Legge 370/1999 Art. 10 c. 4 (Costituzione del Consorzio Sincrotrone di Trieste)
Print Friendly, PDF & Email

LEGGE 19 ottobre 1999, n. 370

Disposizioni in materia di universita’ e di ricerca scientifica e tecnologica. (GU n.252 del 26-10-1999 )
note:Entrata in vigore della legge: 27-10-1999

Art. 10 comma 4

Costituzione del Consorzio Sincrotrone di Trieste

4. La Sincrotrone Trieste, societa’ consortile per azioni, e’ costituita come societa’ di interesse nazionale ai sensi dell’articolo 2461 del codice civile. La societa’ non ha scopo di lucro, non puo’ distribuire utili e avanzi di gestione ai soci ed e’ obbligata a reinvestire i predetti utili o avanzi di gestione, nonche’ eventuali residui attivi in sede di liquidazione dei beni costruiti o acquistati, qualora non destinati alla costituzione della riserva legale, all’esercizio dei compiti istituzionali di cui alla lettera d), i quali non hanno natura di attivita’ commerciale e non sono riconducibili ad esercizio di impresa. Alla societa’ si applica dal 1o gennaio 2000 il regime tributario degli enti non commerciali di cui agli articoli 87, comma 1, lettera c), 108, 109, 109-bis, 110, 110-bis e 111-bis del testo unico delle imposte sui redditi, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, e successive modificazioni, nonche’ di cui agli articoli 19-ter del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, e successive modificazioni, e 20 del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600, e successive modificazioni. Il predetto inquadramento a fini tributari e’ disposto in regime di neutralita’ fiscale, ai fini dell’imposizione diretta o indiretta, non determinando cessione o realizzo di plusvalenze e sopravvenienze attive soggette a tassazione in relazione alla prevista destinazione istituzionale dei beni. Restano ferme le posizioni pregresse di cui alle precedenti dichiarazioni di imposta, con facolta’ di richiesta dei relativi rimborsi. Lo statuto e l’ordinamento contabile della societa’, da sottoporre al controllo del Ministero dell’universita’ e della ricerca scientifica e tecnologica ai sensi dell’articolo 8 della legge 9 maggio 1989, n. 168, sentito il comitato di cui all’articolo 6, comma 3, del decreto-legge 13 settembre 1996, n. 475, convertito, con modificazioni, dalla legge 5 novembre 1996, n. 573, sono modificati sulla base dei seguenti criteri e principi direttivi: a) adeguamento della struttura societaria, assicurando una quota di partecipazione di soggetti pubblici non inferiore al 51 per cento; b) snellimento degli organi sociali con presenza di componenti nominati dal Ministro dell’universita’ e della ricerca scientifica e tecnologica; c) applicazione alle successive modifiche statutarie delle procedure di cui all’articolo 8 della legge 9 maggio 1989, n. 168, con il parere del comitato di cui al citato decreto-legge n. 475 del 1996, convertito, con modificazioni, dalla predetta legge n. 573 del 1996; d) definizione dei compiti istituzionali della societa’ in termini di attivita’ di ricerca e formazione, in collegamento con il programma nazionale della ricerca e i programmi europei internazionali, promuovendo la collaborazione con soggetti pubblici e privati, anche stranieri e internazionali, nonche’ in termini di manutenzione, gestione, completamento e sviluppo del Laboratorio di Luce di Sincrotrone Elettra di Trieste e di messa a disposizione dell’infrastruttura ai consorziati, ai partecipanti e ad enti di ricerca italiani e stranieri, pubblici e privati, assicurando la trasparenza delle procedure e la parita’ di condizioni, con vincoli di diffusione dei risultati per finalita’ di ricerca e non commerciali; e) utilizzazione, in subordine a quanto previsto nella lettera d), del laboratorio, della strumentazione e del personale da parte di soggetti privati, per obiettivi funzionali ed attivita’ commerciali, a titolo oneroso; f) definizione di criteri di valutazione delle componenti patrimoniali attive e passive, anche in deroga ai criteri stabiliti dal codice civile, in conformita’ ai compiti istituzionali della societa’.

Was this article helpful?

No 0

About the Author